Home Carriera e dintorniMestieri creativi Mauro Perrella, il “chirurgo”del web: ecco i segreti social dei vip

Mauro Perrella, il “chirurgo”del web: ecco i segreti social dei vip

 Mauro Perrella, lei è un “chirurgo del web”: come definisce il suo lavoro?

Mi occupo di marketing e management online a livello mondiale, coordino da tanti anni un team internazionale di esperti in tecniche avanzate di promozione web sia per aziende e relativi brand, sia per personaggi emergenti oppure già popolari.

Lei si occupa di curare l’immagine sul web sia di personaggi del mondo dello spettacolo che di politici, ci sono delle analogie?

Esattamente. Si ci sono numerose analogie perchè ormai i politici seguono lo stesso iter mediatico dei personaggi dello spettacolo ma, naturalmente, bisogna comunque mirare sempre la loro comunicazione in maniera giusta, calibrandola di volta in volta a seconda dell’impegno politico che essi stanno assumendo, trattandosi spesso anche di cariche pubbliche ( quindi si hanno minori libertà di promozione rispetto a un personaggio dello show business ).

In base alla sua esperienza, è vero che le donne sono più “social” degli uomini?
 
Direi di si, dai dati e dalle statistiche in nostro possesso le donne sono più interattive e “social” degli uomini, specialmente su Instagram che oggi spopola in Italia così come nel resto del mondo.

Come approcciano al web questi due mondi? Ci sono differenze significative?

Sicuramente l’universo femminile ha una maggiore cura dei dettagli fotografici e video, mentre per gli uomini il web è una “conseguenza” di ciò che vedono fare alle donne. Naturalmente questo in via del tutto generale, perchè poi in alcuni settori come appunto la politica, il fitness, lo sport ci sono numerosi maschietti che sono davvero degli opinion leader anche sui social network.

Potrebbe dare qualche consiglio a chi vorrebbe “curare”la propria immagine sul web?
 
Certamente se si vuole curare la propria immagine è fondamentale evitare il “fai da te”, perchè l’attività da autodidatta non funziona bene online, specialmente se poi si vuole guadagnare dalla promozione della propria visibilità web e se si vuole, addirittura, internazionalizzare tale immagine.
Esistono gli esperti di settore appositamente per consigliare la migliore strategia di promozione web e creare una solida struttura annessa, che porti proficui risultati nel tempo.

Oggi sul web si fa praticamente tutto, dalle campagne elettorali alla ricerca dell’anima gemella. Non c’è secondo lei il rischio di spersonalizzare i rapporti?
 
Purtroppo si. Internet ha creato tantissime possibilità, aprendo il mondo alla condivisione più totale, di contro però ormai trascorriamo troppe ore “incollati” ai nostri smartphone e ai rispettivi social, finendo inevitabilmente con il trascurare sempre più i rapporti umani. Ovviamente un giusto equilibrio nell’uso dei social e del web in generale sarebbe il miglior compromesso verso tale “spersonalizzazione” dei rapporti umani.

Cosa c’è dietro a questa spasmodica ricerca della notorietà e questo voler piacere a tutti?

Puro narcisismo. I social sono in grado di creare una barriera sottile con il mondo esterno e dare a tutti noi la forza necessaria per esibirci quotidianamente e mettere in mostra le nostre qualità, a differenza della vita reale in cui ci vuole molto più coraggio per esibirsi tutti i giorni, poichè non si ha nessun filtro social.

Cosa si nasconde dietro i segreti social delle star?
 
Di sicuro un intenso e costante lavoro di web marketing e web management svolto quasi sempre da esperti del settore, perchè ormai il business online delle star è spesso ancora più elevato di quello nella vita reale, nella maggioranza dei casi, per cui ogni personaggio noto va trattato esattamente come fosse una piccola azienda, ed è nata da alcuni anni anche una disciplina dedicata a tale pratica, nota come Personal Branding.

Reputazione online. In quanti si rivolgono a lei per “ripulire” la memoria del web da notizie scomode? Di che target parliamo? Solo politici?
 
Ormai è il servizio web in assoluto più richiesto da tantissime categorie di persone, non soltanto dalla classe dirigente e politica come si possa supporre, ma anche da chi vuole crearsi una reputazione più solida, più equilibrata e di maggiore impatto visivo.

Continua a seguirci:
Tweet 20

Scrivi un commento

Articoli che ti potrebbero interessare