Home Lei e luiCoppia e Famiglia L’amore sbagliato e il rischio emulazione

L’amore sbagliato e il rischio emulazione

di Marina Baldi

Quando il fuoco non è abbastanza, arriva l’acido: è più facile procurarselo, si trova in tutti i supermercati e dà certezza del risultato.
E questi aspetti favoriscono l’emulazione, che è diventata veramente pericolosa e diffusa. Troppe ragazze sono o sono state vittime di aggressioni con l’acido, sostanza che cancella la bellezza, che distrugge, rendendolo una poltiglia, il viso della donna che ha scelto di non guardare più il partner con lo sguardo pieno d’amore.
Gessica Notaro aveva scelto già da tempo di non guardare più con questi occhi Jorge, capoverdiano conosciuto in vacanza, con il quale aveva avuto una relazione di circa due anni. Non voleva più essere maltrattata da un uomo che la perseguitava, che la pedinava, che le rendeva la vita impossibile.
Gessica ha denunciato per stalking l’uomo, ma non è servito a nulla.
Il giudice ha sottovalutato la vicenda ed ha ritenuto che il divieto di avvicinamento fosse sufficiente, ma tutti sappiamo che purtroppo non è così, non c’è modo di monitorare e far mantenere la distanza tra l’offender e la sua vittima.
Le donne non si sentono protette da questa legge perché questi “aguzzini” riescono invece ad avere tutta la libertà possibile ed immaginabile per fare del male all’oggetto del loro perverso desiderio.
Così è stato per miss Sorriso Emilia Romagna, che aveva denunciato inutilmente il suo ex. L’orco l’ha aspettata nel parcheggio sotto casa, l’ha chiamata per nome e quando lei si è girata quel sorriso così bello si è dissolto in un attimo e così gli occhi, i lineamenti e la sua vita.
L’acido muriatico si è portato via tutto, il sogno di vita di una giovane ragazza bellissima che lotta tra la vita e la morte.
Due sono gli aspetti da valutare in questa vicenda: il rischio di emulazione, che è reale e che non può però farci esimere dal raccontare questi eventi, e la necessità sempre e comunque di denunciare, anche se purtroppo non sempre il rischio che corrono le vittime viene valutato correttamente.
Dobbiamo volerci bene, non dobbiamo sottovalutare le minacce che ci vengono fatte, non dobbiamo mai credere che tutto ciò sia “per amore”.
Non è amore, né tanto né poco. Non lo è, è solo desiderio di possesso, un una follia che può degenerare con estrema facilità. Attenzione, attenzione, attenzione, non finirò mai di dirlo a tutte le ragazze giovani e a tutte le donne che hanno relazioni che con persone che non le rispettano. Non finirò mai di dirlo, mai e poi mai, userò questo blog fatto da donne per le donne, per cercare di diffondere il più possibile l’informazione e per dare la possibilità a chiunque abbia necessità di scriverci, di chiedere aiuto anche in modo anonimo.
Abbiamo rapporti con tanti sportelli antiviolenza seri,
abbiamo rapporti con tante persone che vi possono aiutare.
Quindi ragazze qualsiasi cosa non vi quadra chiedete aiuto, immediatamente. Anche a noi.

Continua a seguirci:
Tweet 20

Scrivi un commento

Articoli che ti potrebbero interessare