Home Lei e luiStorie Donna mummificata: morire in solitudine a 47 anni

Donna mummificata: morire in solitudine a 47 anni

Non è un giallo. Non ha attirato l’attenzione dei media se non per una semplice comunicazione della notizia.Non c’è nulla da scoprire, nessuna vicenda torbida, nessun risvolto violento. Solo tanta tristezza e malinconia. E’ questo che suscita la notizia relativa al ritrovamento, in una località in provincia di Milano, del corpo di una donna di 47 anni, che è deceduta in casa, da sola. Fin qui niente di particolare, se non il fatto che 47 anni sono pochi per morire e che ci fanno pensare a banalità del tipo che la vita è breve, che bisogna viverla fino in fondo, che bisogna aver cura della propria salute. Tutto vero, verissimo. Ma ciò che lascia amareggiati di questa vicenda è che la donna deceduta è stata trovata dopo circa tre mesi dalla morte, avvenuta nel bagno di casa per cause naturali. Il corpo mummificato non lascerebbe dubbi di tipo medico-legale, oltra al fatto che l’appartamento era regolarmente chiuso dall’interno.
L’allarme è stato dato dai condomini che, dopo almeno tre mesi che non la vedevano, hanno avvisato le forze dell’ordine che hanno provveduto ad entrare nell’appartamento da una finestra con l’aiuto dei vigili del fuoco.
Utenze staccate per morosità, posta non ritirata da mesi. Nessuno che abbia provato a suonare il campanello, nessun parente che la abbia chiamata, che si sia preoccupato per lei. Una vita isolata, senza contatti sociali. Non sappiamo i dettagli di chi fosse questa donna e di quale sia la ragione per la quale nessuno ha sentito il bisogno di avere un contatto con lei, ma l’amarezza di una morte così in solitudine lascia sgomenti. Chi la conosceva avrà certamente il rimorso di non aver fatto una telefonata o magari di non averle dato un consiglio per la sua salute. Ma, si sa, la vita corre e troppo spesso non ci fermiamo a pensare che a qualcuno, talvolta, basterebbe un sorriso o una parola, per non essere proprio completamente soli.

 

(foto by www.adnkronos.com)
Continua a seguirci:
Tweet 20

Scrivi un commento

Articoli che ti potrebbero interessare