Home Le nostre rubricheIl diario di Sonia Rudy ZerbI lancia il sondaggio: cosa dicono di noi pregi e difetti

Rudy ZerbI lancia il sondaggio: cosa dicono di noi pregi e difetti

Ospiti: Rudy Zerbi e Lucia Bosi

 

Pregi e difetti personali. Un tema intrigante quello della seconda puntata di stagione di Io le donne non le capisco, suggerito la scorsa settimana in diretta proprio da Rudy Zerbi. Il presentatore e speaker radiofonico è protagonista anche oggi del salotto condotto da Sonia D’Agostino, insieme agli inseparabili Loredana Petrone, Alberto Laurenti e Giulio Violati, ospite l’executive e life coach Lucia Bosi.

 

Non poteva che essere Rudy, quindi, ad aprire le danze, collegato nel traffico di una Roma blindata per il G20. Un pretesto per parlare della stringente attualità. Sonia D’Agostino punta i riflettori su pregi e difetti del ruolo di first lady, prendendo spunto dall’incontro tra Brigitte Macron e Jill Biden le mogli dei presidenti di Francia e Stati Uniti. Quanto è difficile essere la compagna di un capo di Stato? Bisogna sempre essere rispettose, portare i tacchi, seguire l’etichetta… ci si può mai lasciare andare?

Si entra nel vivo con il sondaggio di oggi. Alla nostra community social abbiamo chiesto: “sapreste elencare due pregi e due difetti che vi identificano? Pensate che questi abbiano influito sul vostro carattere che a sua volta ha influenzato i rapporti interpersonali, lavorativi o amorosi?

 

Sonia D’Agostino riflette su quanto la percezione che abbiamo di noi stessi corrisponda effettivamente a quella che le persone che ci sono vicine hanno di noi e confessa che il marito la rimprovera di non ascoltarlo mai quando parla. Il ghiaccio si è rotto e ognuno rivela in diretta i propri pregi e difetti. Rudy Zerbi sorprendentemente si considera un grande insicuro e un ingenuo seriale, il suo pregio: la generosità. Il produttore cinematografico Giulio Violati, con ironia, si dice buono e puntuale ma anche “rosicone”, permaloso e molto goloso. La psicologa e psicoterapeuta Loredana Petrone, invece, si definisce accogliente ed empatica, ma confessa di sentirsi a volte molto rigida nel seguire le regole e un po’ pignola. Mischia le carte Alberto Laurenti, il cantautore e musicista ha un solo pregio/difetto: la malinconia, una sorta di “saudade” preziosa per l’ispirazione sul lavoro, ma stancante, a sua detta, per le persone che lo circondano. Anche in questo caso una percezione del sé che stupisce chi è abituato a vedere Laurenti come un vulcano di ironia.

 

Ma quanto influiscono le nostre caratteristiche caratteriali e i nostri cosiddetti difetti sulla vita quotidiana? Risponde Lucia Bosi, executive e life coach: l’importante è sempre mettersi in discussione, senza perdere l’equilibrio. Dobbiamo capire la situazione da affrontare e modificare non il nostro carattere, ma il modo di agire in un determinato contesto, sostiene la life coach che avverte: “un punto di forza può trasformarsi in una buccia di banana, un pregio può diventare un difetto se spinto all’estremo”. La parola magica per Lucia Bosi è feedback. L’interazione è fondamentale per capire se le nostre intenzioni siano effettivamente comprese dall’altro oppure siano percepite in maniera diversa. “Gli altri possono illuminare i nostri punti ciechi”, spiega la coach. Il confronto è necessario, ma va motivato, non basta una parola, il dire “sei permaloso”, bisogna analizzare i comportamenti e la situazione che li ha generati.

 

La chiusura è affidata a Luciano Lembo, l’attore e cabarettista romano sintetizza al meglio con una poesia tutto il senso dei discorsi affrontati:

 

C’è chi ha il pregio di essere altruista e ha la calma di chi sembra illuminato, ma a volte dietro i pregi in bella vista si nasconde un difetto insospettato. Quella sua calma magari è rabbia soffocata, per non saper reagire a chi l’offende ed il suo aiuto a tutti è una facciata, per il bisogno di sentirsi grande. Ecco perché, ad essere sincero, non sono i difetti ciò che temo di più, ma quello di cui spesso vado fiero: l’impalcatura delle mie virtù”. 

Continua a seguirci:

Scrivi un commento

Articoli che ti potrebbero interessare

Click to access the login or register cheese