Home Le nostre rubriche Risveglio di primavera: gli effetti sul corpo e sulla mente

Risveglio di primavera: gli effetti sul corpo e sulla mente

 

E’ ufficialmente tornata la stagione più attesa dell’anno: la primavera, che porta con sé il risveglio dei sensi e della natura. Le giornate si allungano, le temperature diventano più miti, i fiori sbocciano e noi ci scrolliamo di dosso il torpore invernale, sentiamo voglia di cambiamento e di rinascita.  L’arrivo della bella stagione influisce sul nostro corpo  e sulla nostra mente, nel bene e nel male, perché, come in ogni cambiamento, abbiamo bisogno di adattarci alle novità.

 

 

Partiamo analizzando gli aspetti che influenzano positivamente il nostro umore. Nell’immaginario collettivo la primavera simboleggia il risveglio e dona sensazioni di allegria e vitalità per la vivacità di tutto ciò che ci circonda: luce, colori, profumi, tepore. Abbiamo voglia di libertà e leggerezza, a partire già dall’abbigliamento meno ingombrante e dalla possibilità di passare più tempo all’aperto, magari a contatto con la natura. Siamo invogliati ad uscire, a frequentare più assiduamente amici e parenti, a praticare sport, ad esplorare luoghi nuovi e a conoscere persone diverse. La primavera sembra, quindi, avere effetti positivi sulle relazioni interpersonali e sulla socialità.

Dal punto di vista prettamente fisiologico, è risaputo che l’esposizione alla luce del sole aumenta il rilascio di seratonina, un ormone antidepressivo naturale che riduce e contrasta la produzione di cortisolo, l'”ormone dello stress”, e che dona sensazioni di benessere e rilassamento.  I raggi solari, inoltre, stimolano la produzione di vitamina D con effetti positivi sul sitema immunitario e sul metabolismo in genere.

 

In primavera la luce del sole diviene più intensa e i colori più brillanti. Attraverso i nostri occhi il cervello percepisce queste differenze e misura la lunghezza della giornata in base al numero di ore di luce e di buio, calibrando, di conseguenza, le funzioni vitali del corpo sull’allungamento progressivo del giorno e sul corrispondente accorciamento della notte. Questo meccanismo richiede un maggior consumo di energia, motivo per cui molte persone non riescono a tenere il passo con l’avvento della primavera e avvertono un senso di spossatezza, di stanchezza muscolare, disturbi del sonno e quei faticosi risvegli mattutini che hanno dato vita al proverbio “Aprile dolce dormire“.

Talvolta, negli individui maggiormente predisposti, l’arrivo della primavera scatena il “disturbo affettivo stagionale” o SAD, un’alterazione psicofisica che provoca sbalzi d’umore, ansia, insonnia, sonnolenza, stanchezza, mal di testa e difficoltà a concentrarsi. C’è da dire, in realtà, che il maggior numero di casi di SAD si registra nel passaggio dall’estate all’autunno.

Tra le conseguenze più fastidiose dell’arrivo della bella stagione ci sono sicuramente le allergie legate all’esposizione ai pollini. Le particelle rilasciate dalle piante, nei soggetti sensibili, irritano le mucose di occhi, naso e gola, che si gonfiano per una risposta eccessiva del sistema immunitario. Sintomi comuni sono lacrimazione, naso chiuso, starnuti, tosse secca, prurito, insonnia, stanchezza e mal di testa.

Per prevenire e contrastare i disturbi legati al cambio di stagione vi suggeriamo alcuni rimedi che partono dalla tavola. Una giusta alimentazione può dare una scossa all’organismo, riattivando il metabolismo. Semaforo verde per frutta, verdura, cereali integrali, legumi e semi, cibi ricchi di vitamine, minarali e sostanze antiossidanti in grado di combattere i radicali liberi. La stanchezza si può contrastare con alimenti che contengono vitamina B1: lenticchie, pistacchi, soia, crusca, semi di papavero, lievito di birra e germe di grano.

Non dobbiamo dimenticare l’attività fisica che, se praticata regolarmente, almeno 40 minuti 3 volte a settimana, può offire benefici concreti. Il movimento, oltre a tenere sotto controllo il peso, aumenta l’energia e il rilascio di endorfine, neurotrasmettitori che donano maggiore serenità e tranquillità.

Dopo qualche settimana avremo assimilato le nuove abitudini e sentiremo un boost di energia!

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a seguirci:

Scrivi un commento

Articoli che ti potrebbero interessare

Click to access the login or register cheese